in

RITA PAVONE si scusa per la gaffe sulla baby attivista: non sapevo fosse malata

La giovane attivista svedese Greta Thunberg e la cantante Rita Pavone, al centro di una gaffe social.
La giovane attivista svedese Greta Thunberg e la cantante Rita Pavone, al centro di una gaffe social.

Greta Thunberg è sulla bocca di tutti. La sedicenne svedese è diventata famosa per il suo attivismo per lo sviluppo sostenibile e contro il cambiamento climatico. Ogni venerdì, dal 20 agosto dello scorso anno, manifesta per l’ambiente. Il suo impegno politico ha ispirato il movimento studentesco Fridays for Future. Se da una parte la sua iniziativa è stata accolta con plauso e spirito di emulazione, dall’altra ha scatenato feroci critiche. Fra i suoi detrattori anche la nostra Rita Pavone, che ha cinguettato sui social un attacco alla giovane.

Rita Pavone Official on Twitter

Quella ” bimba ” con le treccine che lotta per il cambio climatico, non so perché ma mi mette a disagio. Sembra un personaggio da film horror…

Il tweet ha fatto presto il giro del web. E sono stati in tanti a far notare alla cantante che Greta Thunberg, oltre a essere solo una ragazzina, soffre della sindrome di Asperger. Considerato parte dello spettro autistico ad alto funzionamento, questo disturbo comporta compromissioni delle interazioni sociali, schemi di comportamento ripetitivi, attività e interessi limitati. Anche per questo Greta è entrata nel cuore di milioni di persone in tutto il mondo. La giovane svedese è diventato il simbolo non solo della lotta per l’ambiente, ma anche di resilienza e tenacia.

Le scuse di Rita Pavone a Greta Thunberg.

La Gian Burrasca della canzone italiana non ha tardato a porgere delle tiepide scuse all’attivista. «Ho fatto una gaffe enorme perché non sapevo che avesse la sindrome di Asperger, nessuno l’ha detto mai in televisione. Io mi ricordavo la ragazzina con le treccine di un film e ho detto che mi metteva a disagio. Non direi mai una cosa così e trovo cattivo e orrendo che la gente aspetti un qualsiasi errore che tu fai nella vita per azzannarti come se fossero lupi. Diceva Dio che colui che non ha mai sbagliato scagli la prima pietra. Sono una persona perbene, non sono una carogna», ha detto l’artista ai microfoni ANSA.

«È gente malata quella che mi attacca. Ho solo detto che mi ricordava un personaggio, e ho messo la foto del film dove c’è questa ragazzina che le assomiglia. È brutto che ci siano persone che non aspettano altro per attaccarti, solo perché la pensi diversamente da loro. Mi dispiace, chiedo scusa, non sapevo avesse un problema e non intendevo offendere. Cosa vogliono? Che mi impicchi o che mi che mi tagli le vene? Perché sono incappata in un gravissimo errore di cui chiedo venia. Non pensavo di creare questo scompiglio, se qualcuno ha detto una battuta in più non l’ho detta io. È diventato un mondo di lupi».

Niente ritocchino per Rita Pavone.

La cantante di “Datemi un martello” ha approfittato dell’occasione per parlare degli attacchi e degli insulti ricevuti quotidianamente sui social. E ha smentito le voci su presunti interventi chirurgici: «Non mi parlino di canottoni. Io ho un labbro inferiore per cui devo dire grazie – croce e delizia – a mia nonna. Con gli anni questo labbro, che era tanto carino quando ero ragazzina, si è rilasciato. Io non ho mai fatto un intervento estetico. Ci tengo che tutti lo sappiano: io invecchio di brutto da parte mia e ne vado fiera. Non ho mai fatto un intervento, anche perché altrimenti sarei una cretina se il risultato è quello che ho».

Barbara Cola e Rita Pavone cantano “Questo nostro amore” – Ora o mai più 26/01/2019

LA PUNTATA INTEGRALE SU RAIPLAY https://www.raiplay.it/video/2019/01/Ora-o-Mai-piu-91877688-b713-4f54-89e7-8de3516fd3fd.html?wt_mc=2.google.yt.rai_oraomaipiu.&wt TUTTI I VIDEO E LE PUNTATE https://www.raiplay.it/programmi/oraomaipiu/?wt_mc=2.google.yt.rai_oraomaipiu.&wt Barbara Cola e Rita pavone ripropongono il grande successo del 1967, “Questo nostro amore”.

(Visited 200 times, 1 visits today)

Scritto da Mirko Ledda

Senza arte né parte, ma polemico come poche persone al mondo.

One Comment

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *