in

MICHAEL JACKSON bandito dalle radio e cancellato da I SIMPSON

Michael Jackson ancora nell'occhio del ciclone per le accuse di pedofilia
Michael Jackson ancora nell'occhio del ciclone per le accuse di pedofilia

Sono passati quasi dieci anni dalla morte del re del pop Michael Jackson, ma tanti misteri ancora risultano irrisolti. La HBO ha recentemente mandato in onda il documentario “Leaving Neverland” che ha scatenato una vera e propria rivolta mediatica. A seguito delle dichiarazioni rilasciate da Wade Robson e James Safechuck, riguardanti gli abusi sessuali compiuti da Michael Jackson ai loro danni e durati anni, molte radio in rivolta si sarebbero rifiutate di continuare a passare i brani di Jacko. Tra le maggiori risultano le emittenti canadesi di proprietà di Cogeco Media. Pare che la famiglia Jackson abbia intentato una causa da 100 milioni di dollari contro HBO per evitare la pubblicazione del documentario, inutilmente.

Non solo le emittenti radio, ma anche la televisione inizia ad eliminare Michael Jackson dai propri programmi, a partire dalla famosa serie di Matt Groening “ISimpson”. I produttori avrebbero deciso di eliminare la puntata in cui il cantante collaborava al doppiaggio. Un colpo inaspettato che potrebbe dare i natali alla totale eliminazione dalle scene del personaggio. Addirittura la statua raffigurante la star, che si trovava al National Football Museum della Gran Bretagna, è stata rimossa. Una protesta questa, che interessa direttamente la storia della musica, che potrebbe rimanere orfana di una delle più grandi popstar mai esistite.

Non solo le emittenti radio, ma anche la televisione inizia ad eliminare Michael Jackson.

La vera domanda in tutta questa situazione però rimane la stessa. È possibile eliminare Michael Jackson dalle scene? È giusto privare il mondo della sua musica a seguito delle sue inclinazioni illecite? Sicuramente la sua figura non potrà mai più essere un esempio per i giovani. Una figura che già ricopriva un ruolo scomodo e che è sempre risultata ambigua. La figlia del cantante, Paris Jackson, attualmente attrice e modella, risponde alla bufera invitando alla calma. “Tutti voi prendete la mia vita più seriamente di quanto faccia io stessa. Datevi una bella calmata” ha twittato in un primo momento il 7 Marzo. Tweet seguito da molti altri, dove la figlia della star accusata di pedofilia, si è detta più che tranquilla, ribadendo che potrebbero essere tutte menzogne.

Paris-Michael K. J. on Twitter

y’all take my life more seriously than i do. calm yo tittaaaaysss

 

Differente la reazione dell’amico e collega Cory Feldman, con il quale l’artista aveva stretto un legame di amicizia sul set del film “I Goonies” nel 1984. In un’intervista alla CNN ha dichiarato che tra loro non è mai successo nulla di sconveniente, ma non può difendere una persona accusata di tali orribili crimini. L’attore a sua volta vittima di abusi sessuali a Hollywood, da parte di altri, è tutt’ora impegnato nella difesa delle vittime di abusi sessuali. Che Michael Jackson sia o meno colpevole, sarà la legge a stabilirlo, ma la sua immagine sarà per sempre inquinata, a dispetto della sua grande dote di artista, capace di scrivere e produrre capolavori indimenticabili ancora in testa alle classifiche e di emozionare.

Leaving Neverland (2019) | Official Trailer | HBO

Leaving Neverland is a two-part documentary exploring the separate but parallel experiences of two young boys, James Safechuck, at age ten, and Wade Robson, at age seven, both of whom were befriended by Michael Jackson.

 

(Visited 319 times, 1 visits today)

One Comment

Leave a Reply
  1. Come il primo che poi ha detto che lo aveva costretto il padre quanto ci guadagnano con questo documentario… Fanno schifo per se stessi e per le vere vittime di pedofilia.Vergogna!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *