in

MIRIAM FORESTI fa fiorire IL GIARDINO SEGRETO ricco di spunti (Album)

La cantautrice Miriam Foresti.
La cantautrice Miriam Foresti.

Capelli che scivolano fino alle spalle, castani con riflessi dorati che danno luce al suo volto pulito e agli occhi celesti e profondi. Chitarra in spalla, vestiti vintage e un grande sorriso: lei è Miriam Foresti. Nata a Roma, di adozione abruzzese, precisamente dell’Aquila. Trasferitasi poi a Udine, la cantautrice coltiva la sua grande passione per la musica dedicandosi a ritmi jazz, folk e pop. Miriam Foresti è una ragazza tenace, determinata e con un grande carisma. Queste doti la portano, insieme alle indiscutibili qualità canore e artistiche, a coronare il suo percorso musicale con un album, “Il giardino segreto”, uscito per l’etichetta Isola Tobia Label.

“Il giardino segreto” è ricco di spunti riflessivi, induce l’ascoltatore a pensare.

Il disco che segna il suo esordio è composto da dieci brani totalmente autobiografici, arricchiti dalla partecipazione di altri quindici musicisti. Nei testi delle sue canzoni Miriam Foresti si racconta senza filtri. La musica che compone sembra un diario a cui affida emozioni e paure, desideri e speranze. “L’odore delle piccole cose” è un brano dedicato alla città adottiva di Miriam Foresti, l’Aquila. Il ricordo del terribile terremoto del 2009 ha segnato profondamente la cantautrice, così come tutti gli aquilani. Il testo della canzone evoca immagini di una routine, quella della vita quotidiana e di come spesso non si faccia caso alle piccole cose di ogni giorno, che in realtà meritano apprezzamento quanto quelle straordinarie.

Il brano “I know a place” è un omaggio a Nick Drake, cantautore inglese morto giovanissimo. Miriam Foresti è una nostalgica, che nei suoi testi richiama artisti passati che sono stati fondamentali nel suo percorso artistico e personale. “I know a place” è anche il brano che spiega il titolo del disco, il posto di cui parla è un giardino segreto all’interno del quale è possibile rifugiarsi e trovare finalmente la serenità. L’idea che soggiace è proprio quella che ognuno di noi dovrebbe avere un angolo in cui sentirsi protetto, da chiamare casa. Miriam Foresti ha trovato questa dimensione nella musica, nella sua musica. L’auspicio e l’intenzione sono quelle di trasportare in questo luogo anche gli ascoltatori sperando che, lasciandosi andare, sognino e vivano di emozioni.

I dieci brani scritti da Miriam Foresti arrivano dentro l’anima.

Ascoltando la traccia “Father” si percepisce la ricchezza del repertorio artistico di Miriam Foresti. Sembra di volare oltreoceano e cullati da ritmi che ricordano il gospel, quello dei film e delle chiese di città. Questo brano è una preghiera, un richiesta disperata di aiuto, conforto. Siamo uomini, ed errare è umano.
“Domani ricomincio” è la traccia che preferisco, perché è un’esortazione a smetterla con le scuse, col rimandare a domani ciò che invece potresti fare oggi. È un brano pieno di positività, che trasmette voglia di accantonare la pigrizia e cominciare finalmente a godersi la bellezza della vita senza temporeggiare stupidamente. Il tempo è oro, e nessuno te lo ridà indietro se lo butti via.

“Il giardino segreto” è ricco di spunti riflessivi, induce l’ascoltatore a pensare e questa è una delle cose più belle che la musica possa fare. Ascoltare una canzone e sentirsi più carichi di prima, più ricchi dentro. I dieci brani scritti da Miriam Foresti arrivano dentro l’anima di chi li ascolta, perché sono stati scritti col cuore per arrivare al cuore.

 

MIRIAM FORESTI

IL GIARDINO SEGRETO

5 dicembre 2018

Isola Tobia Label

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *