in

MENDICANTI DI LUCE: “Purtroppo non funziona più passare in rassegna i vari club”

L'attuale formazione dei Mendicanti di Luce.
L'attuale formazione dei Mendicanti di Luce.
Benvenuti Mendicanti di Luce sulle nostre pagine. Iniziate col dirci qualcosa di voi che non troveremmo nelle biografie ufficiali.

Ciao a tutti, siamo lieti di approdare su Music.it! Mendicanti di Luce, come molte altre band, nasce come un gruppo di amici che si trova in garage a suonare cover su cover dei propri artisti preferiti. Poi le strade si possono dividere quindi nel nostro caso ci sono stati più di un cambio di nome e di formazione, insieme alle molte difficoltà da superare. Come inizio ufficiale teniamo sempre buono il 2012, anno in cui i due cantanti Elia Ferron e Riccardo Nardon hanno cominciato a suonare come duo acustico.

Il vostro è un nome dai mille rimandi. Spiegateci la vostra scelta di chiamarvi Mendicanti di Luce.

È una domanda che ci hanno fatto in molti, ma in realtà la spiegazione è più banale di quanto sembri. “Mendicanti di Luce” è il titolo di una canzone che Riccardo aveva scritto. Quando giunse il momento di decretare un nuovo nome per la band – era gennaio 2016 – abbiamo optato per il nome stesso di quella canzone, dato che il suo significato ci rappresenta. Che poi è la decima canzone di “Incipit”, il nostro primo album.

A proposito di “Incipit”… 
Ascoltando il vostro album , a tratti mi balenavano in testa band indie rock inglesi dei primi anni 2000, dai The Libertines agli Arctic Monkeys. Rientrano tra le vostre ispirazioni?

I primi anni 2000 e gli ultimi anni ’90 sono gli anni che hanno caratterizzato la nostra infanzia e anche la musica inglese ci dà molta ispirazione. Ci piace però paragonarci a band con il “doppio frontman” come nel caso inglese a Kasabian e Oasis oppure in America con i blink-182 dove si vedono avvicendarsi nel canto due persone. Sugli artisti citati dovremmo approfondire. Anzi lo prendiamo come un consiglio!

Poi voglio i diritti d’autore per l’ispirazione (ride). Chi sono invece gli artisti italiani che hanno contribuito alla vostra formazione e che vale la pena ascoltare?

Artisti italiani che ci piace citare tra le nostre influenze hanno sempre a che fare con la prima decade dei 2000 e gli ultimi anni ’90. Stiamo parlando di gruppi che non significa siano scomparsi. Ci piacciono Negrita e Negramaro e nel nostro lato più pop c’è chi risente le ballate di Cesare Cremonini ad esempio. Poi ci spingiamo sul lato più indie con Ministri, Verdena, Afterhours e Timoria.

“Saint Gobain” è una canzone che parla del senso di dignità e al contempo di alienazione che i giovani di oggi stanno vivendo. È un tema che, immagino, vi stia estremamente a cuore. È per questo che avete scelto questa traccia per presentarvi al pubblico?

Temevamo fosse una canzone troppo cupa all’inizio, ma poi ci siamo convinti grazie al suo messaggio forte e diretto, che anche a voi è arrivato forte e chiaro a quanto pare. Ci piace parlare in alcuni brani delle storture del mondo e l’alienazione ci dà molto di cui parlare. Ma in tutto questo proviamo a cercare una via «per cambiare le carte in tavola e uscirne a testa alta».

Avete iniziato a farvi conoscere suonando live i vostri inediti, preferendo questo a canali social che oggi vanno per la maggiore. Potremo vedervi presto in tour?

Ormai la parte social è diventata una delle basi per lavorare in una band che propone musica inedita e che deve pubblicizzare un disco. Nonostante ciò, il nostro sogno è portare “Incipit” in tour e tutt’ora stiamo provando in tutti i modi a balzare all’occhio a qualche agenzia di booking professionale e a qualche etichetta. Purtroppo non funziona più passare in rassegna club su club e lasciare il proprio CD e contatto. Quindi speriamo ciò si avveri prima che sia troppo tardi e che il nostro disco sia uscito da troppo tempo per essere promosso in tour.

Mendicanti di Luce, è nostra tradizione lasciare l’ultima domanda come uno spazio bianco da far riempire agli artisti con quello che vogliono. Questa è il vostro!

Intanto vi ringraziamo per averci portato sulle vostre pagine e averci fatto delle domande così precise. Speriamo che i lettori siano incuriositi e magari semplicemente scrivendo il nostro nome sui servizi streaming e vadano ad ascoltare il nostro “Incipit”, nel quale davvero poniamo le speranze e le basi per il nostro futuro.

Mendicanti di Luce – Saint Gobain

Compra o ascolta il nostro primo disco! “Incipit” ▪️Itunes: https://goo.gl/7nCXSL ▪️Spotify: https://goo.gl/37UNLX ▪️Google Play: https://goo.gl/JvKgKF ▪️Amazon Music: https://goo.gl/ZEvYBC Primo singolo del nuovo album uscito il 23/03/2018 per Sorry Mom!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *