in

   

TOP TEN: I MIGLIORI FILM DEL 2018 DA VEDERE ASSOLUTAMENTE

Una scena de "La forma dell'acqua".
Una scena de "La forma dell'acqua".

Con un altro anno al termine, iniziamo tutti quanti a tirare le relative somme. E noi della sezione cinema di Music.it non potevamo che svolgere il nostro personale resoconto di quest’annata cinematografica. Abbiamo stilato una selezione dei dieci titoli che, secondo il nostro giudizio, sono tra i più meritevoli del 2018. Per correttezza, abbiamo deciso di comprendere solo film usciti e distribuiti in Italia durante quest’anno. Evitando di inserire pellicole selezionate ai vari festival a cui siamo stati presenti, e che arriveranno nelle nostre sale durante il 2019. Abbiamo deciso di non fare una classifica, ma presentarvi le pellicole della nostra top ten in ordine di uscita, che trovate a fine articolo.

Pensando al 2018 cinematografico nel complesso, non possiamo non far luce su vari scenari di rilievo. In prima istanza, con la vittoria del Leone D’Oro per “La Forma dell’Acqua” a Venezia 74 e il successivo Oscar al miglior film, il confine tra i due eventi sta divenendo sempre più labile. Non solo una delle manifestazioni cinematografiche più importanti si sta aprendo al cinema di genere e commerciale, ma inizia a porsi come trampolino di lancio per l’Awards Season a seguire. Anche nella sua 75esima edizione, a dispetto del veto posto dal Festival di Cannes, è stato premiato un film come “Roma” di Alfonso Cuarón, distribuito direttamente sulla piattaforma digitale Netflix. Un chiaro sintomo di uno scenario in evoluzione, dove le varie etichette di film d’autore o film di genere, stiano pian piano perdendo la loro specificità.

 ↓ SCORRI PER LEGGERE LA TOP TEN ↓

Un altro evento degno di nota è stato rivedere sul grande schermo opere della maggior parte dei registi esordienti in passato nel versante indipendente americano. Ora divenuti dei veri capisaldi del cinema mondiale. Come Paul Thomas Anderson con “Il filo nascosto”, che ha segnato l’addio alle scene di Daniel Day Lewis, “Blackkklansman” di Spike Lee, Gran Prix speciale della Giuria a Cannes, “La ballata di Buster Scruggs” dei fratelli Coen, Premio Osella per la migliore sceneggiatura a Venezia, “L’isola dei cani” di Wes Anderson, Orso d’argento a Berlino e il duplice ritorno di Steven Soderbergh con “La truffa dei Logan” e “Unsane”. Tra le nuove leve meritano di essere citati Martin McDonagh con “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” e Sean Baker con “The Florida Project”. E inoltre “Tully” di Jason Reitman, “7 sconosciuti a El Royale” di Drew Goddard e “Lady Bird” di Greta Gerwig.

Dal versante nostrano c’è stato un approdo in massa dei registi italiani più affermati anche a livello internazionale. Luca Guadagnino con “Chiamami col tuo nome” ha dato piena conferma del suo statuto autoriale, segnando un’opera già cult per le nuove generazioni. Paolo Sorrentino con il suo discusso film diviso in due parti su Silvio Berlusconi, “Loro 1” e “Loro 2”, non è riuscito a raggiungere il grado dei precedenti film, ma comunque non è passato inosservato. Alba Rohrwacher con “Lazzaro Felice” ha incantato il Festival di Cannes, portando a casa il Prix du scénario. Ma tra tutti, chi è riuscito a spadroneggiare tra i suoi colleghi italiani, troviamo Matteo Garrone con “Dogman”. Uno dei più favoriti a Cannes, premiato con il Prix d’interprétation masculine per l’esordiente Marcello Fonte, e tre European Film Awards.

 ↓ SCORRI PER LEGGERE LA TOP TEN ↓

Dal panorama internazionale, ci teniamo a citare degli autori non presenti nella nostra selezione, ma lo stesso rimarchevoli. “Un affare di famiglia”, Palma d’Oro a Cannes, del giapponese Kore’eda Hirokazu. E poi “Disobedience” del cileno Sebastián Lelio, “Oltre la notte” del tedesco Faith Akin e il ritorno dell’ex-Python, Terry Gilliam, con la sua turbolenta opera maggiore, “L’uomo che uccise Don Chisciotte”. Altro elemento di rilievo di questo 2018, è l’enorme successo di due pellicole inerenti il franchise del Marvel Cinematic Universe. “Black Panther” di Ryan Coogler e “Avengers Infinity War” dei fratelli Russo, non solo hanno dominato il box-office mondiale, ma sono riusciti ad appagare il divario tra critica e pubblico. Confermando quanto un blockbuster possa essere considerato di rilievo, sia per il comparto tecnico, quanto registico e di scrittura.

Concludendo, anche questo 2018 ha indubbiamente alimentato la nostra fame di cinema. A fronte di molte speculazioni, che anno dopo anno proclamano la sua morte e quella dell’esperienza in sala, secondo il nostro modestissimo parere, il fascino che esercita è ancora lontano dal venir meno. L’elevato grado di spettacolarità di certe immagini sul grande schermo, nuovi assetti di costruzione dell’intreccio, e l’inesauribile carica narrativa di alcune realtà, danno conferma nuovamente del suo statuto privilegiato. Così vi lasciamo alla nostra personale selezione, preparandoci al nuovo anno che si prospetta molto particolareggiato, e intriso di tante opere cariche di elevata aspettativa.


LA FORMA DELL’ACQUA

Di Guillermo del Toro. Baltimora, 1962, piena Guerra Fredda. Elisa Esposito è una donna affetta da mutismo che lavora come addetta alle pulizie in un laboratorio governativo dove avvengono sperimentazioni a scopi militari. I suoi due unici amici sono la collega afroamericana Zelda e l’inquilino gay Giles, coi quali condivide una vita di solitudine ed emarginazione. Un giorno al laboratorio viene portata una creatura anfibia dall’aspetto umanoide: è stata catturata in un villaggio amazzonico, dove era oggetto di venerazione dagli indigeni locali. Elisa rimane affascinata dalla creatura e la incontra di nascosto, portandole del cibo e insegnandole a comunicare tramite la lingua dei segni americana. Qui la recensione completa.

La Forma dell’Acqua – The Shape of Water | Trailer Ufficiale HD | Fox Searchlight 2018

VINCITORE DI 2 GOLDEN GLOBE E 4 PREMI OSCAR | DAL 14 FEBBRAIO AL CINEMA Segui la pagina Facebook ufficiale del film: https://www.facebook.com/FoxSearchlightItalia/ Diretto da: Guillermo del Toro Cast: Sally Hawkins, Michael Shannon (II), Doug Jones, Lauren Lee Smith, Michael Stuhlbarg, Octavia Spencer Trama: sullo sfondo dell’America della Guerra Fredda nel 1962, in un laboratorio segreto ad alta sicurezza voluto dal governo, lavora Elisa (Sally Hawkins), una donna intrappolata in una vita di solutidine.


IL FILO NASCOSTO

Di Paul Thomas Anderson. Londra, secondo dopoguerra. Il rinomato stilista Reynolds Woodcock domina la scena della moda britannica: dal suo atelier passano le migliori clienti della borghesia europea. Il suo talento nel campo dell’alta sartoria si accompagna a un carattere maniacale che lo porta a voler tenere sotto controllo ogni aspetto della propria vita in maniera ossessivamente precisa. L’uomo ama attorniarsi di belle donne, che frequenta finché esse non reclamano la sua attenzione, totalmente indirizzata al lavoro. Quando incontra Alma, una giovane e bella cameriera che lo affascina, Reynolds la sceglie come modella, musa ispiratrice e compagna di vita, portandola a vivere con sé nell’atelier. Qui la recensione completa.

IL FILO NASCOSTO di Paul Thomas Anderson con Daniel Day-Lewis – Trailer italiano ufficiale

AL CINEMA Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/FocusFeaturesIT Genere: Drammatico Cast: Daniel Day-Lewis, Lesley Manville, Vicky Krieps Diretto da: Paul Thomas Anderson (“Il Petroliere”, “Magnolia,” “The Master”) Scritto da: Paul Thomas Anderson Ambientato nella fascinosa Londra del dopo guerra negli anni ’50, il rinomato sarto Reynolds Woodcock (Daniel Day-Lewis) e sua sorella Cyril (Lesley Manville) sono al centro della moda britannica, realizzando i vestiti per la famiglia reale, star del cinema, ereditiere, debuttanti e dame sempre con lo stile distinto della casa di Woodcock.


FOXTROT

Di Samuel Maoz. Quando tre militari suonano alla sua porta, Dafna capisce subito che notizia le portano. Lo shock per la morte del figlio le fa perdere i sensi. Con la moglie addormentata, spetta a Michael sopportare il dolore della perdita di Jonathan. Niente di tutto ciò può essere reale. Il destino ha in serbo per i due una beffa ancora peggiore. La logica militare appare più ridicola di un passaggio a livello nel deserto da cui transitano solo cammelli, e più stupidamente fiera di un passo a due con un kalashnikov. Eppure il ridicolo e lo stupido sacrificano ragazzi, li nutrono di carne in scatola facendoli sprofondare letteralmente nel fango, e con essi lacerano padri, madri e cani. Qui la recensione completa.

FOXTROT – Trailer ufficiale italiano

Dal 22 marzo al cinema. FOXTROT, Gran Premio della Giuria al Festival di Venezia 2017 è un film scritto e diretto dall’israeliano Samuel Maoz, il regista di Lebanon, Leone d’Oro a Venezia nel 2009.


READY PLAYER ONE

Di Steven Spielberg. Nell’anno 2045 l’inquinamento e la sovrappopolazione hanno rovinato la vita sulla Terra e molte delle sue città sono diventate baraccopoli. Come via di fuga dalle loro vite nelle città decadenti, le persone si immergono nel mondo virtuale di OASIS, dove possono prendere parte a numerose attività per lavoro, istruzione e intrattenimento. Quando il suo fondatore e creatore, James Halliday, muore, annuncia tramite il suo avatar Anorak l’Onnisciente un concorso in cui i giocatori devono trovare un easter egg all’interno del mondo di gioco, ma per sbloccarlo servono tre chiavi nascoste nei mondi. Riuscirà Wade Watts a trovarle tutte?

Ready Player One – Trailer Ufficiale Italiano

AL CINEMA Dal regista Steven Spielberg, è in arrivo l’avventura di fantascienza “Ready Player One”, tratta dall’omonimo best seller di Ernest Cline, divenuto un fenomeno di portata mondiale. Nel 2045, anno in cui il mondo sta per collassare sull’orlo del caos, le persone hanno trovato la salvezza nell’OASIS, un enorme universo di realtà virtuale creato dal brillante ed eccentrico James Halliday (Mark Rylance).


DOGMAN

Di Matteo Garrone. Periferia di Roma. Marcello è un uomo piccolo e mite che vive nella periferia della città. Possiede un locale di toelettatura per cani e divide le sue giornate tra il modesto lavoro, l’amore per la figlia Alida e un pacifico rapporto con i suoi vicini. Per arrotondare spaccia cocaina. Questo lo porta a instaurare una torbida amicizia con Simone, un delinquente locale che con piccoli crimini e atti di violenza terrorizza gli abitanti del posto, senza che nessuno abbia il coraggio di intervenire. Marcello dal canto suo gli procura la droga, lo aiuta in alcune rapine e subisce passivamente i suoi soprusi, accontentandosi della minima percentuale che Simone gli rende. Qui la recensione completa.

DOGMAN (2018) di Matteo Garrone – Trailer ufficiale HD

Dogman il nuovo film di Matteo Garrone, in Concorso al Festival di Cannes 2018. Dal 17 Maggio al cinema. In una periferia sospesa tra metropoli e natura selvaggia, dove l’unica legge sembra essere quella del più forte, Marcello è un uomo piccolo e mite che divide le sue giornate tra il lavoro nel suo modesto salone di toelettatura per cani, l’amore per la figlia Sofia, e un ambiguo rapporto di sudditanza con Simoncino, un ex pugile che terrorizza l’intero quartiere.


MEKTOUB MY LOVE: CANTO UNO

Di Abdellatif Kechiche. 1994. Amin abbandona gli studi universitari a Parigi per tornare nella natale Sète, cittadina sulla costa meridionale francese. La vicenda si sviluppa attraverso degli episodi di vita quotidiana tra bar, ristoranti, spiaggia e dintorni della cittadina, in compagnia di amici e cugini. Coprotagonista la generosa Ophélie, amante di un gaudente Tony, cugino di Amin. A seguire due giovani turiste da Nizza, Charlotte e Céline, la prima infatuatasi disperatamente del viveur, la seconda bisessuale, con la quale il protagonista ha un breve flirt. Amori, divertimento e liti che non lasciano apparentemente conseguenze. Qui la recensione completa.

Mektoub My Love – Canto Uno (2018) – Trailer Ufficiale

Mektoub My Love – Canto uno, un film di Abdellatif Kechiche DAL 24 MAGGIO AL CINEMA Amin, un aspirante sceneggiatore che vive a Parigi, ritorna per l’estate nella sua città natale, una comunità di pescatori del sud della Francia. Occasione per ritrovare la famiglia e gli amici d’infanzia.


BLACKKKLANSMAN

Di Spike Lee. All’inizio degli anni settanta, Ron Stallworth è il primo afroamericano a diventare poliziotto a Colorado Springs. Inizialmente viene assegnato all’archivio, dove deve affrontare il razzismo dei suoi colleghi. Mentre legge il giornale locale, nota un annuncio di reclutamento del Ku Klux Klan. Decide di chiamare il numero fingendosi un uomo bianco e parla con Walter Breachway, presidente del cantone di Colorado. Si fa aiutare dal suo collega Flip Zimmerman, che lo impersona per incontrare i membri del Ku Klux Klan di persona: Zimmerman partecipa agli incontri e incontra Walter Breachway, Felix Kedrickson, il membro più radicale del cantone, e un membro di nome Ivanhoe, che parla di un attacco imminente. Qui la recensione completa.

BLACKkKLANSMAN di Spike Lee – Trailer italiano ufficiale

Vincitore del Grand Prix al Festival di Cannes 2018. Dal visionario regista Spike Lee arriva l’incredibile storia vera di un eroe americano. Sono i primi anni ’70, un periodo di grandi sconvolgimenti sociali mentre negli Stati Uniti infuria la lotta per i diritti civili.


ZOMBIE CONTRO ZOMBIE

Di Ueda Shin’ichirô. Uno zombie sta per divorare una fanciulla giapponese che grida con voce stridula. Stop. Il regista passa davanti alla macchina da presa e interrompe la scena. In una fabbrica abbandonata si sta girando un film horror, ma le prestazioni degli attori non sono abbastanza credibili. La ragazza in particolare sembra non provare realmente terrore, e il capo del progetto cerca esattamente quello. Egli brama la verità sullo schermo. Ecco allora l’intuizione vincente. Perché non risvegliare davvero degli zombie? Qui la recensione completa.

ZOMBIE CONTRO ZOMBIE – Trailer italiano

7/8/9 novembre 2018: al cinema la zombie-comedy che ha disintegrato il box office giapponese! Dopo l’anteprima internazionale al Far East Film Festival di Udine, Zombie contro Zombie (One Cut of the Dead) di Ueda Shinichiro arriva nelle sale italiane con la Tucker Film.


ROMA

Di Alfonso Cuarón. 1970. Città del Messico. Cleo è una domestica nella casa di Sofia, suo marito Antonio, i loro quattro figli piccoli, la madre di Sofia, Teresa, e un’altra cameriera, Adela. Tra scene della vita di Cleo con la famiglia – la pulizia, la cucina, portare i bambini a scuola, servire i pasti, mettere a letto i bambini e svegliarli – diventa chiaro che il matrimonio tra Sofia e Antonio è teso, fino a quando Antonio, medico, parte per due settimane per recarsi ad una conferenza in Québec. In realtà non tornerà alla fine del viaggio, ma Sofia tiene nascosto il suo allontanamento ai bambini, dicendo loro che il viaggio si è prolungato. Qui la recensione completa.

ROMA | Teaser Trailer [HD] | Netflix

Time and Space constrain us, but they also define who we are, creating inexplicable bonds with the others that flow with us at the same time and through the same places.


COLD WAR

Di Pawel PawlikowskiWiktor è un direttore d’orchestra e musicologo che viaggia attraverso la Polonia con la sua produttrice Irena sperando di reclutare melodie e talenti per il collettivo musicale che il nuovo regime comunista gli ha commissionato. È durante uno di questi provini che la carismatica cantante Zula entra nel campo vitale dell’uomo. Dotata nella voce e particolarmente affascinante nell’aspetto, Zula è anche opportunista fino al punto di mentire cinicamente. In qualche modo si innamorano ma, poiché nessuno dei due si dice davvero tutto, un filo di menzogna e malinconia si insinua sul nascere nel loro rapporto. Qui la recensione completa.

Cold War – Premio come Miglior Film Europeo – Trailer Ufficiale Italiano

VINCITORE DI 5 European Film Awards tra cui Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Attrice, COLD WAR è il nuovo film del regista Premio Oscar Pawel Pawlikowski (Ida), vincitore della Palma D’Oro per la miglior regia al Festival di Cannes. A Natale al cinema.


Vi auguriamo un buon 2019, sempre in nostra compagnia, alla scoperta dei film da vedere assolutamente. O da evitare come la peste. Felice anno nuovo!

GIOVANNI COSMOSIMONE ARONICAVINCENZO ALTOBELLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *